Ma quando arrivano le ragazze?

pubblicato in: Corsi | 0

Ma-quando-arrivane-le-ragazze-donne-e-tecnologia-ITS-Rizzoli_1319513762

Le classi dei corsi per sistemisti e programmatori sono ancora composte al 95% da maschi. Una proporzione che si mantiene costante, ma che è giunto il momento di mettere in discussione.

Diventare tecnico di rete o sviluppatore è una delle strade più sicure verso la stabilità lavorativa e un buon stipendio. Perché le ragazze ci provano così poco? Al netto di tutte le conquiste politiche e sociali avvenute in Italia negli ultimi settant’anni, le donne in Italia scontano ancora un fortissimo pregiudizio culturale in svariati ambiti.

Nonostante la presenza di donne straordinarie in ogni disciplina, dallo sport alla ricerca, dalla direzione aziendale all’esercito, dalla legge alla medicina, restano ancora alcuni settori dove la percentuale di uomini è preponderante e non accenna a cambiare. Tra i tanti, proprio il settore dell’informatica, a livello di infrastrutture e di software.

Un ambito in cui c’è ampio spazio per le doti di progettazione, razionalità, analisi e perseveranza, che riscontriamo abitualmente in moltissime ragazze che studiano nel nostro istituto. Qualità che farebbero la differenza nel comparto tecnico, e che invece vengono applicate più frequentemente in ambiti intermedi come la comunicazione e il marketing, con risultati inferiori. La domanda è: perchè?

Tre ipotesi, tra cui la fiducia nelle proprie capacità

Abbiamo provato a darci qualche risposta e siamo giunti a tre ipotesi. La prima – e più banale – è che le ragazze siano intimorite dall’idea di dover lavorare in un ambiente comandato da maschi nerd dalla scarsa empatia. La seconda è che il tecnico informatico non venga percepito come un lavoro in cui l’animo femminile possa esprimersi al meglio. La terza è uno scarso senso di autoefficacia negli ambiti tecnici.

Concentriamoci per un attimo su quest’ultima. Da cosa dipende il senso di autoefficacia? Sicuramente da ciò che gli insegnanti e i genitori ci dicono (effetto verificato in numerosi esperimenti di psicologia condotti negli Stati Uniti: dinanzi a complimenti e rassicurazioni i risultati nei test e nei compiti tendono a migliorare). Peccato che anche questo sostegno -dove esiste- non sia sufficiente.

Esistono mestieri da donne? La cattiva influenza dei media

Infatti, anche quando i nostri genitori e insegnanti credono nelle nostre capacità, dobbiamo fare i conti con i retaggi culturali della società. I media bombardano le ragazze ogni giorno con messaggi che danno grande rilevanza al loro aspetto fisico a scapito delle capacità intellettuali. Se ciò non bastasse, parlano sempre più di insegnanti, dottoresse, psicologhe, cantanti, attrici e scrittrici e molto meno di tecniche informatiche.

In questo clima culturale, dobbiamo agire per riportare in equilibrio la distribuzione dei talenti. Infatti, in mancanza di prove genetiche che dimostrano una scarsa attitudine femminile per l’informatica, la carenza di presenze femminili nei nostri corsi Network & Cloud, Cyber Defense e IFTS Developer non può essere dovuta a una mancanza di talento. Ed è proprio per valorizzare il talento che abbiamo creato ITS Rizzoli.

Un invito per le ragazze curiose, che amano i computer

Margaret Hamilton - NASA
Margaret Hamilton, direttrice del Software Engineering Division del MIT Instrumentation Laboratory, posa accanto alle pagine di codice del software di bordo per il programma Apollo, che concluse la missione vittoriosa sulla Luna nel 1969.

 

In ITS Rizzoli abbiamo avuto mille volte la dimostrazione che quando i contenuti giusti incontrano il talento e la passione, si esprime al massimo il potenziale di uno studente e di una studentessa. Inoltre, il mercato ha una estrema necessità di competenze tecnologiche e questo è un momento d’oro per acquisire competenze spendibili sul mercato e, soprattutto, ben pagate.

La nostra è quindi una battaglia per l’accesso delle ragazze al mondo dell’informatica, sia nella progettazione di infrastrutture di rete fisiche e virtuali che di sviluppo software. Un invito rivolto a quelle che hanno una mente curiosa e logica e vogliono divertirsi a risolvere problemi con un computer in mano. Una capacità che, come appena detto, è ricercatissima dalle aziende.

Aperte le selezioni il 23 settembre

Se sei una ragazza e ti sei appena diplomata, se stai cercando lavoro e vuoi completare il tuo percorso di studi con un biennio professionalizzante con stage in azienda, partecipa alle selezioni per i corsi ITS che si svolgeranno il prossimo 23 settembre. Sarà una fantastica occasione per dare la possibilità al tuo talento di plasmare in meglio il tuo futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *